L’attività integrativa e caratterizzante dell’indirizzo in per la Società dell’Informazione offre un percorso di formazione di eccellenza che arricchisce e completa il tradizionale piano di studio degli studenti dei corsi di laurea triennale e di laurea magistrale in ambito ICT della Scuola Politecnica e di ICT, Matematica e Fisica della Scuola di Scienze MFN mirata a sviluppare negli Allievi competenze in ambito gestionale e in ambito tecnico-scientifico con un forte orientamento all’innovazione e alla multidisciplinarietà unitamente a esperienze internazionali e contatti diretti con le aziende.

La partecipazione all’attività integrativa e caratterizzante dell’indirizzo STSI è obbligatoria per gli Allievi dell’indirizzo e aperta agli Allievi degli altri Indirizzi. Un numero limitato di posti è disponibile su prenotazione per persone interessate esterne alla Scuola Superiore IANUA.

L’attività integrativa e caratterizzante dell’indirizzo STSI nel biennio del Percorso di Primo Livello è organizzata nei seguenti moduli didattici (tre per anno) che si tengono di norma durante il secondo semestre dei corsi accademici ordinari:

L’avvento delle nanotecnologie ha radicalmente mutato le prospettive di sviluppo di innumerevoli campi di applicazione in ambito ICT. In particolare, oltre alla miniaturizzazione dei dispositivi, le nanotecnologie permettono l’introduzione di nuovi paradigmi o l’ingegnerizzazione a livello atomico delle proprietà funzionali dei materiali, creando di fatto materiali ottimizzati per uno specifico scopo. Il corso si propone di introdurre aspetti generali sulle nanotecnologie applicate allo sviluppo di nuovi materiali o alla realizzazione di nuovi dispositivi che possono portare enormi sviluppi in diversi campi di applicazione quali sono l’elettronica, la medicina e l’energia. Per quanto riguarda la preparazione dei materiali, saranno affrontate sia tecniche di produzione di nanoparticelle sia tecniche di ingegnerizzazione dei materiali alla nanoscala. Partendo dai limiti fisici per il funzionamento di attuali dispositivi elettronici o energetici, si illustrerà come l’avvento delle nanotecnologie possa risultare decisivo garantire un miglioramento delle performances. Casi di studio affrontati saranno tra gli altri i materiali termoelettrici e i dispositivi elettronici basati su materiali bidimensionali. Due esempi paradigmatici di campi di applicazione in cui i limiti delle attuali tecnologie non possono essere superati se non grazie al pesante utilizzo delle nanotecnologie.

Responsabile: Prof. Dario Ferraro
Dipartimento di afferenza: DIFI
Settore Scientifico Disciplinare: FIS/03

Responsabile: Prof.ssa Anna Massone
Dipartimento di afferenza: DIMA
Settore Scientifico Disciplinare: MAT/08

Responsabile: Prof.ssa Giovanna Guerrini
Dipartimento di afferenza: DIBRIS
Settore Scientifico Disciplinare: INF/01

Il corso vuole completare le nozioni di base di fisica dello spazio della tecnologia delle attività spaziali, e successivamente, esplorare alcune delle tematiche scientifiche e tecnologiche più attuali, quali quelle delle missioni per l’esplorazione del sistema solare e dell’osservazione dell’Universo profondo. L’obiettivo è quello di dare gli strumenti per maturare una interpretazione multidiscipinare delle conoscenze acquisite nei corsi studio per meglio comprendere le scienze spaziali. Relatori esperti in alcuni campi della ricerca spaziale guideranno lo studente in questa disciplina arricchendo le lezioni frontali con esempi tratti dalle esperienze professionali. Nella prima parte lo studente verrà dapprima introdotto allo studio dell’ambiente spaziale in orbita terrestre, interplanetario e in orbita planetaria e alla definizione delle linee di progetto di uno strumento operante nello spazio. Successivamente si darà un quadro attuale della scienza, tecnologia ed economia delle missioni spaziali in due ambiti: quello dell’esplorazione del sistema solare e quello dello studio dell’Universo profondo. Gli argomenti e le nozioni di base della fisica dello spazio e delle tecnologie relative alle missioni spaziali saranno oggetto della verifica finale delle competenze acquisite.

Responsabile: Prof. Flavio Gatti
Dipartimento di afferenza: DIFI
Settore Scientifico Disciplinare: FIS/05

The module introduces the main concepts and modelling tools for identification, analysis and modelling of risks. Lecturers are from diverse backgrounds and have discuss different aspects of risk and risk analysis drawn from their working experience.

Responsabile: Prof. sa Eva Riccomagno
Dipartimento di afferenza: DIMA
Settore Scientifico Disciplinare: SECS-S/01

Il modulo è finalizzato alla comprensione del paradigma Industria 4.0 e i suoi impatti in diverse aree della produzione industriale e della società. In particolare, la tecnologia nota come Internet of Things – ossia il connubbio, in dispositivi hardware dotati di opportuni software, tra capacita di acquisizione, elaborazione e trasmissione dei segnali – sarà il fulcro abilitante la realizzazione del paradigma Industria 4.0 in diversi ambiti. Nel presente modulo tre contesti saranno presi in considerazione: l’ambito logistico, quello produttivo e quello sanitario.

Responsabile: Prof. Igor Bisio
Dipartimento di afferenza: DITEN
Settore Scientifico Disciplinare: ING-INF/03