L’attività integrativa e caratterizzante dell’indirizzo in Studi Umanistici e Patrimonio Culturale offre una formazione innovativa con l’obiettivo di formare figure in grado di rapportarsi con l’ampia gamma di attività scientifiche correlate ormai al campo della conservazione del patrimonio culturale. Attraverso un approccio interdisciplinare e sistemico, contribuisce alla sensibilità sui temi della valorizzazione e della preservazione del “patrimonio culturale” inteso, secondo la più recente concezione, nel significato ampio di eredità sia di beni materiali, sia di elementi immateriali, sia di aspetti naturali.

La partecipazione all’attività integrativa e caratterizzante dell’indirizzo ISUPAC è obbligatoria per gli Allievi dell’indirizzo e aperta agli Allievi degli altri Indirizzi. Un numero limitato di posti è disponibile su prenotazione per persone interessate esterne alla Scuola Superiore IANUA-ISSUGE.

L’attività integrativa e caratterizzante dell’indirizzo ISUPAC nel biennio del Percorso di Primo Livello è organizzata nei seguenti moduli didattici (quattro per anno) che si tengono di norma durante il secondo semestre dei corsi accademici ordinari:

Il modulo verterà sul rapporto tra ricerca, editoria e giornalismo, con il supporto di specialisti nell’ambito della stampa generalista e dell’editoria scolastica. Verranno affrontate le tematiche della trasposizione dei risultati della ricerca scientifica in chiave di editoria scolastica, nell’ambito della divulgazione per il grande pubblico, e più ampiamente le problematiche collegate all’analisi del linguaggio mediatico, con particolare attenzione per gli aspetti stilistici e retorici, l’analisi del discorso giornalistico in rapporto ad altre modalità di comunicazione di massa e in rapporto ai nuovi media.

Responsabile: Prof. Andrea Aveto
Dipartimento di afferenza: DIRAAS
Settore Scientifico Disciplinare: L-FIL-LET/11

Il modulo approfondirà la tematica della mediazione tra lingue e culture nelle sue molteplici realizzazioni nel discorso e nel testo. Particolare attenzione verrà attribuita alla problematica della mediazione come dialogo tra lingue/culture. Si affonteranno i temi correlati al relativismo linguistico nel contesto sempre più omogeneo della globalizzazione e non verrà trascurato il ruolo della traduzione come processo di mediazione interlinguistica. Il collegamento all’interno di questo modulo con i grandi organismi internazionali (come la UE, o la FAO) permetterà infine di enucleare le tendenze attuali per quanto riguarda le professioni legate al mondo della mediazione interlinguistica e interculturale.

Responsabile: Prof. Chiara Fedriani
Dipartimento di afferenza: Lingue e Culture moderne
Settore Scientifico Disciplinare: L-LIN/01

Il modulo approfondirà la tematica del dialogo, con particolare attenzione per il dialogo tra religioni e culture. Le problematiche del dialogo interreligioso e interculturale costituiranno punto di partenza per attività di riflessione comune, con il supporto di testimonianze provenienti da diversi ambiti professionali/culturali e orizzonti di ricerca. Non saranno trascurati gli aspetti storico-filosofici della tematica portante del modulo, ampio spazio verrà comunque attribuito alla discussione su tematiche di estrema attualità.

Responsabile: Prof. Mauro Letterio
Dipartimento di afferenza: DAFIST
Settore Scientifico Disciplinare: M-FIL/06

Conoscenza e valorizzazione del patrimonio culturale come memoria e identità comune. Il modulo approfondirà queste tematiche in una pluralità di testimonianze volte a individuare continuità, distanza, consapevolezza del pubblico rispetto all’istanza conservativa.

Responsabile: Prof. Lauro Magnani
Dipartimento di afferenza: DIRAAS
Settore Scientifico Disciplinare: L-ART/02

Il modulo affonterà alcune tematiche relative alle recenti evoluzioni delle discipline storiche, con particolare attenzione per il rapporto tra storia, scienze sociali e scienze della cultura. Con il supporto di testimonianze di esperti e ricercatori, la problematica del patrimonio culturale, della gestione e conservazione, verrà analizzata tramite gli strumenti della storiografia.

Responsabile: Prof. Paolo Calcagno
Dipartimento di afferenza: DAFIST
Settore Scientifico Disciplinare: M-STO/02

Il modulo è diviso in tre incontri che sviluppano la tematica dell’economia dello spettacolo.
Si prenderà in esame il sistema teatrale della città di Genova articolato in 34 teatri per quasi 20.000 posti a sedere: l’analisi delle gestioni teatrali che il Comune di Genova annualmente produce mira a mappare e monitorare le realtà teatrali presenti sul territorio, concentrandosi sulle dimensioni dell’offerta (gli spettacoli), della fruizione (gli spettatori) e della gestione (la forza lavoro e la dinamica entrate/uscite). Si tratta di un documento prezioso e interessante, la cui presentazione e discussione permetterà agli studenti di conoscere lo scenario attuale del mercato teatrale cittadino e di avvicinarsi con consapevolezza agli incontri successivi (in particolare all’incontro in cui si discuterà della fusione aziendale Teatro Stabile – Teatro dell’Archivolto), stimolandoli altresì a guardare allo spettacolo teatrale non solo come oggetto estetico, ma anche come prodotto economico.
Verrà inoltre sviluppata una riflessione sul ruolo della critica nell’epoca del web partendo dal presupposto che in rete tutti possono comunicare con tutti su qualunque argomento, compresi libri, spettacoli, musica, film e video. Il tema dell’informazione e della critica teatrale in rete verrà affrontata partendo dalla rivoluzione della comunicazione nell’era della rete e della partecipazione, confermando la necessità di un approccio critico.

Responsabile: Prof. ssa Livia Cavaglieri
Dipartimento di afferenza: DIRAAS
Settore Scientifico Disciplinare: L-ART/05

Il modulo affronterà le problematiche dell’informatica applicata alle scienze umane, con particolare attenzione per il rapporto tra uomo e macchina nell’espressione del sentimento e del movimento. Gli incontri previsti presenteranno specialisti e ricercatori del settore che interverranno su tematiche quali le interfacce uomo-macchina innovative e multimodali, l’affective computing e il trasferimento dei risultati della ricerca scientifica in progetti artistici e culturali in collaborazione con istituzioni del settore, teatri, musei.

Responsabile: Prof. Antonio Camurri
Dipartimento di afferenza: DIBRIS
Settore Scientifico Disciplinare: ING/INF05

‘Diritto e… cinema, opera, letteratura, beni culturali’
Il modulo esamina i rapporti tra il diritto e ambiti molto diversi, quali l’opera, il cinema e la letteratura. La prospettiva fortemente interdisciplinare e innovativa del modulo è completata dallo studio di una disciplina in continua evoluzione, quale il diritto dei beni culturali.
Esperti formatori:
Prof. Gennaro Carillo (Università  di Napoli Suor Orsola Benincasa)
Prof. Silvia Ferreri (Università di Torino)
Prof. Emiliano Morreale (Università  di Roma La Sapienza)
Prof. Avv. Luigi Piscitelli, Università di Milano e Studio legale Associato, Genova.

Responsabile: Prof.ssa Jaqueline Visconti
Dipartimento di afferenza: DIRAAS
Settore Scientifico Disciplinare: L-FIL LET/12