L’attività integrativa e caratterizzante dell’indirizzo in Scienze Biomediche offre un percorso di eccellenza volto a sviluppare capacità e metodo nell’approccio a problemi scientifici in campo biomedico. Gli Allievi imparano a valutare priorità di scelta tra opzioni diverse, a formulare ipotesi validabili, a costruire modelli sperimentali, pesando opportunità e difficoltà, seguendo un filo logico che va dalla ricerca di base alla ricerca clinica (“bench-to-bedside”).

La partecipazione all’attività integrativa e caratterizzante dell’indirizzo ISB è obbligatoria per gli Allievi dell’indirizzo e aperta agli Allievi degli altri Indirizzi. Un numero limitato di posti è disponibile su prenotazione per persone interessate esterne alla Scuola Superiore IANUA.

L’attività integrativa e caratterizzante dell’indirizzo ISB nel biennio del Percorso di Primo Livello è organizzata nei seguenti moduli didattici (tre per anno) che si tengono di norma durante il secondo semestre dei corsi accademici ordinari:

Con i seminari che verranno proposti per lo svolgimento di questo modulo ci si propone di far comprendere allo studente che il trattamento di una patologia – intesa sotto ogni suo aspetto, anatomico, fisiologico, genetico o sociale- necessita non solo di una specifica ed approfondita conoscenza delle cause della sua insorgenza, ma sovente anche anche di un approccio terapeutico multidisciplinare, che può avvalersi di svariate competenze, spesso tra loro molto distanti culturalmente. I relatori, scelti tra docenti con competenze specifiche particolarmente diverse ma tutte congrue con il settore biomedico, evidenzieranno come tale multidisciplinarietà possa rivelarsi fonte di risoluzioni originali, migliorative, complementari od alternative ai trattamenti tradizionali, e come possa divenire fondamentale per implementare e rendere vincente la ricerca di una efficace terapia nei confronti di una patologia. Ci si attende che gli studenti apprendano –per i vari esempi proposti- quali siano stati gli eventi fondamentali che hanno consentito l’evoluzione diagnostica/terapeutica e la generazione dei relativi disegni sperimentali, comprendendone le esigenze di rigore e riproducibilità, e ricavandone, quindi, un quadro dettagliato da cui evincere il corretto approccio metodologico per la pianificazione e gestione della ricerca nel settore biomedico.

Responsabile: Prof. Paolo Giannoni
Dipartimento di afferenza: DIMES
Settore Scientifico Disciplinare: BIO/13

Responsabile: Prof. Matteo Pardini
Dipartimento di afferenza: DINOGMI
Settore Scientifico Disciplinare: MED/26

Responsabile: Prof.ssa Sivia Ravera
Dipartimento di afferenza: DIMES
Settore Scientifico Disciplinare: BIO/16

Nel modulo proposto verranno discusse da esperti del settore le nuove applicazioni tecnologiche nella ricerca nel campo delle scienze della vita, in particolare per applicazioni nella progettazione di nuovi farmaci, nell’immunologia, nella virologia ed enzimologia.. L’ultimo decennio ha visto lo sviluppo di nuove metodologie in biologia molecolare e biochimica che, insieme alla diffusa disponibilità di potenza di calcolo, hanno supportato la notevole crescita di studi cristallografici e di microscopia elettronica a particella singola di rilevanza biologica. La complessità di tali strutture è in costante aumento e la loro risoluzione sperimentale è spesso a livello atomico. Nel campo della ricerca farmacologica l’applicazione di nuove tecnologie ha permesso di dare un impulso fondamentale: fra queste tecnologie ricordiamo la spettroscopia NMR e la Ultra Performance Liquid Chromatography. La spettroscopia NMR svolge un ruolo ormai cardine nella fase di scoperta, validazione e ottimizzazione di molecole guida, “lead compounds”, mentre l’Ultra Performance Liquid Chromatography (cromatografia liquida ad “altissime” prestazioni) accoppiata alla spettrometria di massa ad alta risoluzione (UPLC-HRMS) è emersa come una tecnica all’avanguardia nell’analisi farmaceutica, che copre aspetti sia qualitativi che quantitativi.

Responsabile: Prof. Gianluca Damonte
Dipartimento di afferenza: DIMES
Settore Scientifico Disciplinare: BIO/10

Premesse. La Genetica Medica, che si occupa della cura di persone e famiglie con patologie genetiche, è in rapida trasformazione. La possibilità di estendere l’analisi genetica dal singolo locus all’intero genoma ha facilitato l’individuazione dei determinanti genetici non solo di patologie ereditarie, ma anche di condizioni frequenti e della risposta ai farmaci. Alcuni trattamenti innovativi basati sulle conoscenze della genomica si sono dimostrati molto efficaci, sollevando al contempo questioni di sostenibilità e equità.
Obiettivi: i) acquisire conoscenze su alcuni degli sviluppi più recenti dalla genomica applicata alle scienze biomediche e alla sanità; ii) acquisire basi metodologiche per ulteriori approfondimenti nel campo della ricerca e dello sviluppo di tecnologie; iii) acquisire strumenti per valutare criticamente l’utilizzo delle tecnologie genomiche applicate alla salute, analizzandone l’utilità clinica e le implicazioni etiche e economiche.

Responsabile: Prof. Emilio Di Maria
Dipartimento di afferenza: DISSAL
Settore Scientifico Disciplinare: MED/03

Il modulo prevede lo sviluppo di tematiche legate all’utilizzo di animali nella ricerca scientifica tenendo conto delle attuali linee guida delle 3R (Replacement, Reduction, Refinement) previste dalla legge. Verranno trattate tematiche etiche globali e norme legislative nazionali legate all’utilizzo di animali a scopo di ricerca, cercando di fornire all’audience una consapevolezza critica di tutti gli aspetti dell’argomento, per una corretta divulgazione e trasparenza delle informazioni anche in ambito pubblico. Verranno trattati concetti di anatomia, fisiologia e comportamento dei roditori, nonché le corrette procedure per la stabulazione ed utilizzo di essi, al fine di ottenere risultati scientifici attendibili e riproducibili, nel rispetto del benessere degli animali stessi. Verrà infine trattato un esempio di studio sperimentale di eccellenza effettuato su larga scala, mediante modelli genetici animali, per un’analisi sistemica dei fenotipi che caratterizzano le patologie umane.

Responsabile: Prof. Marco Milanese
Dipartimento di afferenza: DIFAR
Settore Scientifico Disciplinare: BIO/14