L’attività integrativa e caratterizzante dell’indirizzo in Studi Umanistici e Patrimonio Culturale offre una formazione innovativa con l’obiettivo di formare figure in grado di rapportarsi con l’ampia gamma di attività scientifiche correlate ormai al campo della conservazione del patrimonio culturale. Attraverso un approccio interdisciplinare e sistemico, contribuisce alla sensibilità sui temi della valorizzazione e della preservazione del “patrimonio culturale” inteso, secondo la più recente concezione, nel significato ampio di eredità sia di beni materiali, sia di elementi immateriali, sia di aspetti naturali.

La partecipazione all’attività integrativa e caratterizzante dell’indirizzo ISUPAC è obbligatoria per gli Allievi dell’indirizzo e aperta agli Allievi degli altri Indirizzi. Un numero limitato di posti è disponibile su prenotazione per persone interessate esterne alla Scuola Superiore IANUA-ISSUGE.

L’attività integrativa e caratterizzante dell’indirizzo ISUPAC nel biennio del Percorso di Livello Magistrale è organizzata nei seguenti moduli didattici (quattro per anno) che si tengono di norma durante il secondo semestre dei corsi accademici ordinari:

Il modulo approfondirà le tematiche legate al rapporto tra lingue, culture e Nuove Tecnologie, con particolare attenzione per la trasmissione in rete dei contenuti culturali e per gli aspetti legati alla digitalizzazione testuale. Gli incontri proposti saranno focalizzati sulla nozione di Digital Humanites e sugli aspetti che ricopre in ambiti culturali diversi. Altri argomenti trattati concerneranno la pubblicazione online, ricerche e pratiche sulla letteratura e le tecnologie digitali, la creazione letteraria e artistica digitale.
1. a. Digital Humanities: la storia di un concetto e di una pratica universitaria b. Pubblicare in rete: nuove frontiere e sfide epistemologiche
2. Il Labex OBVIL: ricerche e pratiche sulla letteratura e le tecnologie digitali
3. a. Il digitale e la creazione poetica b. Il digital storytelling

Responsabile: Prof. Simone Torsani
Dipartimento di afferenza: Lingue e Culture moderne
Settore Scientifico Disciplinare: L-LIN/02

Il modulo affonterà alcune tematiche relative alle recenti evoluzioni delle discipline macroeconomiche e microeconomiche, con particolare attenzione per il rapporto tra economia, scienze sociali e scienze della cultura. Con il supporto di esperti del settore, si approfondiranno maggiormente gli aspetti economici collegati alla gestione, alla comunicazione e alla conservazione del patrimonio culturale in senso ampio.

Responsabile: Prof. Claudio Ferrari
Dipartimento di afferenza: Economia
Settore Scientifico Disciplinare: SECS-P/06

Il modulo si avvarrà di competenze tecniche e specialistiche tratte dal settore dell’editoria per affrontare le tematiche relative ai mestieri del libro e al lavoro di preparazione editoriale. Gli incontri previsti presenteranno testimonianze ed esperienze di professionisti della pubblicazione, provenienti da case editrici di primo piano nell’ambito nazionale e internazionale, per presentare agli studenti le potenzialità progettuali collegate all’ambito dell’editoria letteraria e saggistica.

Responsabile: Prof. Vittorio Coletti
Dipartimento di afferenza: DIRAAS
Settore Scientifico Disciplinare: L-FIL/LET12

Il modulo approfondirà le tematiche legate alla cura e conservazione del patrimonio culturale, con particolare attenzione per gli aspetti legati al teatro; grazie al supporto di esperti del settore, gli incontri previsti declineranno il filo conduttore del rapporto tra patrimonio epubblico di riferimento nell’ambito del settore del teatro e della rappresentazione letteraria o musicale, operistica.

Responsabile: Prof. Raffaele Mellace
Dipartimento di afferenza: DIRAAS
Settore Scientifico Disciplinare: L-ART/07

Il modulo affronta da diverse angolazioni e in modo comparativo alcuni aspetti della cultura politica latino-americana e le ricadute sul patrimonio culturale e sociale.
Questi i temi trattati nel modulo:
– i populismi, la loro genesi storica e le loro diversità in America Latina, Stati Uniti e Europa: benché sia comune distinguere il populismo latinoamericano da quello europeo definendo di Sinistra il primo e di Destra il secondo, tali categorie non sono adeguate per coglierne la complessa natura. Con tutti gli altri populismi, quello latino condivide l’afflato redentivo e l’utopia unanimista con cui suole rispondere a crisi disgregative dell’ordine politico e dei legami sociali;
– la memoria collettiva – nazionale e transnazionale – dei regimi autoritari del Novecento e la sua elaborazione in ambito letterario, dal Perù, all’Argentina, all’Uruguay: in questo ambito si prende in esame la questione della testimonianza  sia nella sua complessità ermeneutica, sia nella sua specificità narrativa;
– la questione indigena in una prospettiva di lungo periodo, dall’epoca coloniale alla contemporaneità, nelle dimensioni religioso-culturale e politica: in merito al tema si prende in esame la situazione delle popolazioni indigene americane durante l’epoca della dominazione spagnola, affrontando la questione del dibattito sulla natura e le capacità delle popolazioni incontrate, con implicazioni sul piano giuridico, economico, religioso.

Responsabile: Prof. ssa Chiara Vangelista
Dipartimento di afferenza: DAFIST
Settore Scientifico Disciplinare: SPS/05

Il modulo verterà sulla tematica del dialogo fra autori, editori e lettori, declinandola nei suoi aspetti più legati alla diffusione delle conoscenze attraverso le varie forme di pubblicazione da parte dell’editoria, sia della cosiddetta varia che di quella scolastica, ciascuna con le sue caratteristiche peculiari. Gli incontri previsti si avvarranno di competenze specialistiche nell’ambito della ricerca universitaria e dell’editoria italiana e internazionale.

Responsabile: Prof. Franco Montanari
Dipartimento di afferenza: DIRAAS
Settore Scientifico Disciplinare: L-FIL/LET02

Attraverso incontri seminariali e interventi di esperti, il modulo analizzerà le modalità creative del manufatto artistico attraverso l’analisi delle tecniche come segno del sapere e della storia. Non verrà trascurato l’apporto delle nuove tecnologie in funzione anche della presentazione al pubblico

Responsabile: Prof. ssa Maria Clelia Galassi
Dipartimento di afferenza: DIRAAS
Settore Scientifico Disciplinare: L-ART/04

Il modulo ISSUGE livello Magistrale, “Il dialogo tra lingua e cultura” coordinato da Michele Prandi e da Stefania Michelucci, si è contraddistinto per il suo carattere spiccatamente interdisciplinare e di sinergia tra diverse arti e discipline, mirando a un produttivo dialogo tra studi linguistici e studi letterari.
I tre incontri sono stati articolati in modo circolare, prendendo avvio dall’intervento di Mirella Agorni (Universita’ Cattolica del Sacro Cuore, Milano) su problemi relativi alla traduzione di linguaggi specialistici “questions of mediation in the transaltion of specialized discourse: the case of Tourism and Economics”. Il secondo incontro ha avuto un’impronta prevalentemetne letteraria e culturale, mettendo i testi di due noti comparatisti, Stefano Brugnolo (Universita’ di Pisa) e Ronald Greene (Stanford University) a confronto. Presentando i loro volumi e illustrando nuove prospettive nell’analisi dell’alterità e diversità, hanno messo a fuoco alcune delle idee più innovative nel campo della comparatistica e nello studio di diverse letterature e culture.
L’ultimo incontro con Silvia Bruti (Università di Pisa), “Aspetti Linguistici e Culturali del Testo Audiovisivo”, ha proiettato il dibattito culturale sul piano dei media studies, sulla resa di un testo che fa uso di un linguaggio non esclusivamente verbale e che, mediante tipi di linguaggi diversi, visivi, corporali, sonori, etc., implica necessariamente un dialogo ancora più profondo tra lingue e culture diverse.

Responsabile: Prof. Michele Prandi
Dipartimento di afferenza: Lingue e Cultura moderna
Settore Scientifico Disciplinare: L-LIN/01